Stretta della Regione Lombardia sugli impianti fotovoltaici a terra, sui terreni Dop e Igp sarà praticamente ammesso solo l’agrovoltaico avanzato. Ecco in sintesi cosa dice la delibera con le nuove indicazioni pubblicate per installare impianti fotovoltaici sia a terra, che agrovoltaici nelle aree agricole, sono le prime indicazioni in attesa del decreto che individuerà le aree idonee ai sensi del D.lgs. 199/2021. Le regole si trovano nellallegato A della delibera n. XII/1949, approvata dalla giunta regionale il 26 febbraio.

Nella maggioranza dei casi si potranno fare solamente impianti agrovoltaici, perché quelli con moduli a terra sono considerati tecnicamente difficilmente realizzabili” poiché riducono o annullano la capacità di coltivare i fondi agricoli. Gli stessi impianti agrovoltaici dovranno anche rispettare diversi requisiti, tra cui una soglia di occupazione massima della superficie agricola utilizzata del 40%.

In particolare, sui terreni pregiati dove si coltivano prodotti Dop e Igp sostanzialmente si potranno installare soltanto impianti agrovoltaici avanzati: in quanto le caratteristiche costruttive (altezza dei moduli dal suolo, interasse tra le strutture di supporto dei moduli fotovoltaici) e tecnologiche (inserimento di sistemi di monitoraggio dellinsolazione sulle colture, del risparmio idrico, applicazione di strumenti di agricoltura digitale e di precisione) dellimpianto, sono ritenute tali da garantire la piena operatività dei mezzi agricoli in tutte le fasi dellattività agronomica e non alterare le caratteristiche dellambito geografico di produzione […]”. Mentre: in via secondaria [nelle medesime aree pregiate] sono considerati realizzabili gli impianti agrivoltaici a condizione che garantiscano la piena operatività dei mezzi agricoli in tutte le fasi dellattività agronomica”.

Il provvedimento lombardo, nel dare una prima applicazione allallegato 13 del Preac (Piano regionale energia, ambiente e clima), divide i terreni agricoli in due categorie: categoria “A” con produzioni di particolare tipicità, Dop e Igp, riferite ai settori viti-vinicolo, olivicolo, frutticolo, orticolo e mellifero; categoria B” che individua le restanti aree agricole, a loro volta suddivise in territori (B1) destinati a specifici usi del suolo, come risaie, vigneti e frutteti, e territori (B2) caratterizzati da produzione di seminativi.

Si prevede poi che per realizzare impianti fotovoltaici nelle aree di tipo A” e B1”, siano da rispettare quattro requisiti aggiuntivi rispetto alla normativa vigente, mutuati dalle linee guida per gli impianti agrovoltaici.

Per prima cosa, limpianto dovrà rientrare nella definizione di agrovoltaico o agrovoltaico avanzato rispettando due condizioni:

  • non occupare più del 40% della superficie agricola utilizzata nella disponibilità di chi propone limpianto;
  • almeno il 70% della superficie agricola utilizzata deve essere destinato allattività agricola, nel rispetto delle Bpa (Buone pratiche agricole).

Il secondo requisito stabilisce che occorre verificare lintegrazione tra attività agricola e produzione elettrica, mantenendo le produzioni Dop e Igp e confrontando la resa agronomica previsionale con la resa degli ultimi 3 anni precedenti al progetto dellimpianto agroFV. Inoltre, la producibilità elettrica dellimpianto agrovoltaico non deve essere inferiore al 60% di quella di un impianto fotovoltaico standard a terra con le stesse caratteristiche.

Il terzo requisito richiede di comprovare la continuità dellattività agricola, mantenendo la Produzione lorda vendibile negli anni di esercizio dellimpianto agroFV (la PLV è determinata in sede di progetto, calcolata con riferimento alla media delle PLV ottenute nei primi tre anni del quinquennio precedente allanno in cui è presentata la domanda di impianto).

Infine, il quarto requisito prevede che il terreno agricolo debba essere condotto da unimpresa agricola con valido titolo di proprietà, affitto o comodato.

Fonte: www.qualenergia.it